TUTTI I SERVIZI CHE OFFRIAMO

Ci teniamo a dirlo prima di parlare del resto.

Noi, oltre a parlare come mangiamo, crediamo fortemente che la collaborazione sia la vera fonte di guadagno/sopravvivenza per tutti, se le grandi aziende aiutassero le piccole/medie imprese che sono propositive e che creano contenuti interessanti all’interno della loro attività, tutti troverebbero dei giovamenti economici e quelle che erano piccole potranno poi (se vorranno ovviamente poiché, “everybody has a choice”) aiutarne altre. Esattamente come hanno fatto fino ad adesso coloro che, già affermati, hanno deciso di collaborare e “scommettere” su di noi, ricevendo sì un guadagno economico, ma non così vantaggioso come potreste pensare; e come stiamo operando noi verso di voi, senza, cioè, essere avidi.

A riguardo, siamo sempre alla ricerca di produttori Italiani che sono disposti a darci la possibilità di fargli da rivenditori, testando e promuovendo i loro prodotti [se sei un produttore e vuoi parlare con noi, se non ti abbiamo già contattato e non ci hai già mandato a.f..c… (away from CHeyboard funziona?) CONTATTACI saremo sempre a disposizione]. 

SERVIZI DI STAMPA 3D

MANDIAMO CAMPIONI SU RICHIESTA, CONTATTACI PER SAPERNE DI PIU'

Qui il discorso sarebbe lungo e complesso, ma cercheremo di stringere il più possibile.

Avendo la possibilità di stampare materiali tecnici e quella di poter raggiungere marche differenti, avremo una vasta scelta di filamenti/resine per la stampa. 

Abbiamo 2 macchine con la possibilità di estrusione sopra i 400° con camera riscaldata a 70°, abbiamo stampato anche il PEEK ma non ci è permesso di stampare oggetti di grandi dimensioni con superplastiche. Possediamo abbastanza stampanti per poter fare produzioni, dove non arriveremo noi abbiamo collaborazioni che ci permetteranno di appoggiarci ed aumentare così il volume produttivo. Naturalmente la nostra politica rimarrà nel non essere avidi e di preventivare sempre nel miglior modo possibile.

I materiali che stampiamo ed i settori di applicazione che consigliamo sono i seguenti:

ASA - settore nautico.

PLA/PET-G - architettura, arredamento o didattica, anche se il PET-G potreste usarlo in più applicazioni

PC/ABS e filamenti caricati carbonio - auto, robotica, militare o meccanica

TPU - chimica, elettronica o robotica

Ritardanti di Fiamma o i conduttivi/ESD (i ritardanti di fiamma V0 sono solitamente l'ABS, il PC/ABS e tutte le superplastiche, mentre i conduttivi possono essere di varie tipologie, a partire dal TPU fino al PEI) - in applicazioni dove si necessita di materiali ignifughi o dove si necessita di materiali anti-statici, dissipativi o conduttivi

Polipropilene - praticamente tutto ma non sarà adatto ad applicazioni che richiedono uno sforzo pesante senza essere caricato con fibra di carbonio

PEI (Ultem)PEEK o PEKK - noi preferiamo stampare l'Ultem9085 poiché abbiamo più dimestichezza con questo materiale, ed essendo materiali adatti davvero a quasi qualsiasi cosa, aerospazio, automotive, robotica, meccanica, militare, chimica e ci potrei stare fino a domani probabilmente, consiglieremo quasi sempre quello a meno che non ci sia bisogno di una resistenza al calore maggiore di 150°.

Le differenze fra i materiali verranno discusse in fase di contrattazione, come verrà discusso il modo in cui l'oggetto verrà stampato. Ogni materiale da noi utilizzato avrà una scheda tecnica ed una di sicurezza, i valori al loro interno saranno valutabili dal vostro ingegnere che potrà scegliere quale prodotto si adatterà meglio alla realizzazione del vostro prototipo.

Precisazione - questi valori però, non rappresentano gli stessi valori che avrà il pezzo finale. Anche se stampati correttamente e quindi con valori simili a quelli riportati nelle schede tecniche, avranno comunque bisogno di una certificazione se vorrete che siano messi in commercio, cioè venduti singolarmente al pubblico.

Abbiamo proposto i nostri servizi a molti settori, nautico, auto quello dell’architettura ecc.. ricevendo molte approvazioni poiché non ci sono limiti nella stampa 3d. Stiamo collaborando anche con una ditta in zona che ha come titolari due ragazzi che hanno lavorato e continuano a collaborare con il reparto di Luna Rossa. La ditta si chiama Nero e lavorano il carbonio principalmente per la costruzione delle barche; noi per loro produciamo stampi, sia in negativo che in positivo, che verranno usati per costruirci particolari in fibra di carbonio. Collaboriamo anche con officine per cui riproduciamo e reingegnerizziamo oggetti di macchine d’epoca o non più in commercio.

Non staremo ad elencarvi tutti i lavori che stiamo facendo ma, se vorrete fare richiesta, potrete ricevere dei campioni direttamente da noi, di uno o più materiali con cui avrete intenzione di costruire i vostri particolari. Riserviamo la campionatura prettamente per le aziende e solitamente forniamo un piatto di 70x30 alto 5 mm con scritto la tipologia del materiale usato, con cui potrete fare tutti i test che volete, chimici, trazione, impatto, resistenza al calore ecc.. oltre a quelli per vedere se effettivamente rispetta il certificato di V0 (grado più alto che qualifica il materiale come ignifugo, in questa fascia, la fiamma si spegne entro dieci secondi senza gocciolamenti incendiari).

Se avrete bisogno di ricevere dei campioni CONTATTATECI ed insieme sceglieremo quali materiali converrà testare e quali no. Per esempio, se avrete bisogno che un oggetto non prenda fuoco e sia resistente, utilizzeremo il PC/ABS Flame Retardant V0, se avrete bisogno anche che resista ad una maggiore quantità di agenti chimici, anche se il costo fosse maggiore, probabilmente vi consiglieremmo l’Ultem (PEI) o direttamente la stampa in metallo (avremo la possibilità di appoggiarci a grandi aziende che posseggono stampanti a sinterizzazione di metalli, ma solamente con grandi produzioni altrimenti non è economicamente conveniente, ed in molti casi, le plastiche buone sostituiscono senza problemi i metalli ottimizzando sia il peso che il costo).

Nella foto seguente sono rappresentati a sinistra dei tappi filettati con ghiera, filetto M90 stampati in ASA e a destra una copertura in PC/ABS ignifugo. 

Effettueremo stampe per privati in FDM, cioè stampando strato dopo strato fondendo una bobina di materiale (non conosci e ne vuoi sapere di più? CONTATTACI) e su richiesta anche stampe a resina.

Riprogettiamo particolari per quasi tutti i settori, ovviamente non quello medico. Soprattutto, potremmo abbellire mantenendo le funzionalità di base, talvolta migliorandole anche, un oggetto che vi serve per competizioni o per allenamento, come archi (vedi foto), droni (abbiamo delle foto di lavori fatti puoi richiedercele se vuoi, materiale nylon carbonio e tpu) oggettistica per softair (anche se qui le ditte specializzate hanno prezzi veramente bassi) e molto altro.

Lavoriamo anche i materiali più comuni che hanno costi sostenuti e sono validi a livello meccanico, quali PC/ABS, materiali ritardanti di fiamma, polipropileneTPU e altri. Ci sono materiali ignoranti e ci sono materiali gommosi, ci sono adatti al contatto con UV e adatti al contatto con gli alimenti (anche se su questo potremmo fare una parentesi che vi risparmieremo adesso, ma che diremo sempre nel caso in cui si voglia procedere). Vi consiglieremo quello che farà al caso vostro a seconda dell'applicazione finale. Un esempio potrebbe essere un pezzo di un tavolo di una barca, che avrà bisogno di resistenza ai raggi UV e alla maggior parte degli agenti atmosferici

Se ci fossero da ricreare oggetti con forme geometriche troppo complicate per ottenere un buon risultato, modificheremo l'oggetto in questione senza intaccarne il corretto funzionamento. Le modifiche fatte, se ve ne sarà la necessità, saranno per non avere problemi di fragilità del pezzo finale. 

Per maggiori informazioni riguardo alla vostra stampa, compilate il form che troverete QUA e allegateci un eventuale file da stampare; se fosse troppo grande o mandatecelo in ZIP per email oppure forniteci un link di condivisione Drive/Mega o altro.

La foto rappresenta due archi su cui abbiamo costruito tutto ciò che vedete in giallo e qualcosa tipo mirino o interno degli anti vibrazioni in nero, materiale TPU e PC/ABS. Il colore giallo fotonico incredibile è stato scelto direttamente dai clienti.

I loghi che abbiamo stampato sono molti, alcuni sono stati carteggiati e verniciati ed altri consegnati direttamente finita la stampa. Ci sono materiali che si adattano molto bene alla post-lavorazione ed altri che hanno una finitura buona a tal punto di non aver bisogno di niente. I modi in cui lavoriamo i loghi sono principalmente 2: il primo riguarda lo stampare direttamente il logo ed il secondo tratta di riprodurre il logo su un prototipo funzionale. 

Faremo esempi di ambedue i processi.

Il procedimento in caso vogliate che il vostro logo sia portato in 3D, sarà:

1.       Lavorazione del vettoriale – se ci verrà fornita un’immagine, formati come JPG, PNG ecc. dovremmo ricalcarla per portarla in vettoriale, avremmo quindi bisogno di più tempo e lavoro; mentre se ci verrà fornito direttamente il vettoriale, quindi un formato SVG, DWG ecc. procederemo direttamente al punto successivo.

2.       Estrusione del Logo e quindi creazione del modello 3D – avendo il file vettoriale, lo metteremo in un programma di modellazione 3D, dove creeremo il modello a seconda delle vostre esigenze e dei vostri gusti. In questo procedimento verranno presi in considerazione anche il luogo dove verrà messo il prodotto finito, la conseguente grandezza e verrà scelto anche il modo di fissaggio (per es. con il biadesivo non avrete bisogno di perdere troppo tempo ma sarà più complicato il giorno in cui lo leverete, mentre un fissaggio con le viti richiederà maggior impegno per appenderlo).

3.       Stampa del logo in 3D – delineati gli altri due punti e aventi il modello 3D pronto, decideremo che materiale scegliere e poi procederemo alla stampa. La scelta del materiale è fondamentale poiché alcuni sono più adatti di altri a stare all’esterno e, anche se più dispendiosi in termini economici, non vi daranno problemi in caso di pioggia o raggi UV (per esempio l’ASA). 

Qui sotto vi proporremo due dei loghi che abbiamo fatto, il primo praticamente senza post-lavorazione ed il secondo con il servizio completo (carteggio, stucco e verniciatura).

Nella foto sottostante vi mostriamo questo particolare per Il Barrino. 

è un esempio di logo per promozioni, stampato in PET-G Filoalfa e colorata la scritta a pennello. Non abbiamo post-lavorato questo genere di loghi poiché, a seconda dell’angolazione e delle luci, avrete un effetto molto bello dove difficilmente vedrete i “difetti” della stampa 3D, risparmiando così nella spesa e avendo comunque un ottimo risultato.

Sotto vedrete un esempio di logo costruito per essere appeso all’interno del negozio, stampato in PLA Tomàs 3D e post-lavorato partendo dal carteggio fino alla verniciatura. Un prodotto così, necessitava di un trattamento dopo la stampa per avere l’effetto desiderato.

Nella foto a sinistra, oltre ad un gadget per i porta fumetti spiegato nel procedimento seguente, c’è il logo di Khimera Comics and Games appena dopo il carteggio e lo stucco, mentre nella foto a destra vedrete il prodotto finito. 

Il procedimento in caso vogliate uno o più prototipi con il vostro logo, sarà:

1.       Lavorazione del vettoriale e rilevamenti delle misure del prototipo – se ci verrà fornita un’immagine, formati come JPG, PNG ecc. dovremmo ricalcarla per portarla in vettoriale, avremmo quindi bisogno di più tempo e lavoro; mentre se ci verrà fornito direttamente il vettoriale, quindi un formato SVG, DWG ecc. procederemo direttamente al punto successivo, prendendo prima le misure per la costruzione del prototipo su cui applicare il logo.

2.       Creazione del modello in 3D qui la prima cosa da fare sarà progettare il vostro modello nel miglior modo possibile e a seconda delle vostre linee guida. Prenderemo come esempio il modello che vi mostreremo qui sotto. Sono manopole dei barbecue di un villaggio turistico, il Park Albatros, e sono state progettate da noi a seconda delle esigenze che aveva il cliente, come il fatto che fossero godronate e che avessero il logo sulla faccia principale. Anche qui sarà fondamentale la scelta del materiale.

3.       Stampa in 3D – delineati gli altri due punti e aventi il modello 3D pronto, decideremo che materiale scegliere e poi procederemo alla stampa. La scelta del materiale è fondamentale poiché alcuni sono più adatti di altri a stare all’esterno e, anche se più dispendiosi in termini economici, non vi daranno problemi in caso di pioggia o raggi UV (per esempio l’ASA). In questo caso le misure devono quasi sempre essere rispettate perché i prototipi, oltre che personalizzati, devono anche essere funzionali; ecco perché proveremo sempre il particolare e agiremo sulla stampa in modo da mantenere tolleranze intorno al decimo di millimetro (che con la stampa 3D purtroppo non è semplice se i pezzi sono complessi). 

Di seguito è un esempio di produzione personalizzata, stampate in ASA della FormFutura senza bisogno di alcun tipo di post lavorazione. Sono manopole per barbecue scelte dal villaggio turistico Park Albatros, progettate secondo le linee guida del cliente. Le abbiamo fatte di diversi colori ma il nero ed il bianco sono i colori che preferiamo.

Se quello che hai letto può sembrarti interessante e hai bisogno di questo servizio, contattaci e allega il tuo logo QUI oppure contattaci direttamente per mail o sui social per richiedere una consulenza.

CORSI DI FORMAZIONE

Faremo diverse tipologie di corsi di formazione sia fisicamente (COVID e co. Permettendo) che on-line.

Le nostre proposte sono adatte sia al privato che alle aziende e vengono tutte spiegate in questa pagina.

La principale difficoltà che riscontreremo nei corsi on-line, sarà quella di non poter fare fisicamente le prove su una macchina con voi. Per fare questa tipologia di corsi sarà quindi necessario possedere una stampante 3D (contattateci pure per consigli sulle entry level, sicuramente vi consiglieremo Amazon, o, se siete aziende o privati che vogliono assaporare il professionale, abbiamo diversi prodotti che potrebbero fare al caso vostro) non importerà la marca perché se sarà FDM, anche se non con guide lineari, viti a ricircolo di sfere, estrusore super mega bomba ecc .. saranno tutte uguali e funzioneranno tutte nel solito modo, alcune peggio di altre ok, alcune avranno accorgimenti per più tipologie di materiali ook, ma da tutte uscirà un filamento che si depositerà su di un piatto, strato dopo strato, fino ad arrivare all’oggetto finale.

Lo stesso discorso varrà per le tecnologie LCD DLP, queste però risulteranno molto più semplici da usare anche se necessiteranno di più accorgimenti, quali indossare i DPI (dispositivi di protezione individuale, guanti, occhiali e mascherina) ed essere più precisi nel mettere la resina, togliere le stampe e cambiare la FEP. Saranno comunque tutte cose che vi diremo al corso.

Ogni macchina ha i suoi limiti e di conseguenza i settaggi saranno differenti di stampante in stampante; ma hanno anche una soluzione, magari alcune necessiteranno di più tempo ma, come Achille, hanno i tendini scoperti (uno strano paragone, ma ho visto Troy qualche giorno fa e il mio cervello non riesce a fare di meglio).  

Tornando alle FDM (poiché sono le più utilizzate vista la vasta scelta di materiali disponibili, che hanno anche prezzi più contenuti delle resine), quello che va realmente testato è il filamento, tutto si basa su quello, la stampante continuerà a muoversi sia che si stampi il PLA sia che si stampi il PEEK (ovvio che dipenderà anche da quello che la stampante può fare tecnicamente). Magari avrete una Ender 3 e non una Makerbot, vorrà dire che stamperete PETG (PLA troppo scontato) e non PC/ABS ma l’importante sarà preparare un CAM/slicer/programma di stampa (chiamatelo come volete) decente. Noi, attraverso le nostre conoscenze, proveremo a farvi capire come poter risolvere problematiche di stampa inerenti sia alle parti meccaniche che al software di stampa (non ci addentreremo nella programmazione, tranne che per qualche comando base, poiché lasceremo quella parte a chi ne sa più di noi).



I clienti potranno decidere 3 modalità:

Solo corso di modellazione 3D base - totale ore 6 + eventuali domande con 2 incontri da 3 ore ciascuno, costo del corso 120,00 €. Per classi multiple da 4 alunni in su, il costo sarà di 90,00 € ognuno. Ci sarà la possibilità anche dei corsi per le scuole con agevolazioni maggiori. 

Solo corso di stampa 3D - totale ore 6  + eventuali domande con 2 incontri da 3 ore ciascuno, costo del corso 120,00 €. Per classi multiple da 4 alunni in su, il costo sarà di 90,00 € ognuno. Ci sarà la possibilità anche dei corsi per le scuole con agevolazioni maggiori. 

Entrambi - il totale sarà di 12 ore con 4 incontri da 3 + eventuali domande. Il costo sarà di 200 €. Per classi multiple da 4 alunni in su, il costo sarà di 160,00 € ognuno. Ci sarà la possibilità anche dei corsi per le scuole con agevolazioni maggiori. 

NB. Per i corsi base di stampa a resina contattateci direttamente, il processo sarà simile a quello sotto descritto ma le geometrie dell’oggetto che ricreeremo saranno più complesse. Non stamperemo action figure, quello potrete tranquillamente farlo voi, ma noi nel corso vi diremo tutto ciò che vi interessa.

Questo è un corso a costo sostenuto per tutti coloro che decidono di approcciarsi al mondo della stampa 3D. Spiegheremo come modellare delle forme geometriche base con fusion 360, aiutandovi a capire come poter portare in tridimensionale qualsiasi schizzo 2D. Naturalmente chi già ha esperienza con software CAD non avrà troppi problemi ad apprendere i comandi e probabilmente gli converrà procedere direttamente con i corsi avanzati su Rhinoceros in collaborazione con Riccardo Calvetti, ma di questo ne parleremo nella parte dedicata.

Si dividerà in due corsi, il primo dove useremo Fusion360, software gratuito per hobbistica e didattica, e sarà articolato in questo modo:

1.       Prenderemo un particolare meccanico e ne rileveremo le misure

-          Attraverso strumenti di misura come calibro, raggimetro, contafiletti ecc .. troveremo tutte le misure che ci aiuteranno a creare il disegno e modellare il progetto. Il particolare da ricreare non sarà così complicato ma avrà comunque dei dettagli comuni (raggi, smussi, filettature ecc.) così da poter dare più variabilità nei comandi usati.

2.       Procederemo al disegno 2D, chiamato schizzo

-          Una volta capita la struttura del particolare da ricreare, procederemo con il disegno 2D. In questa parte imparerete come creare uno schizzo per estruderlo successivamente. Verranno fatti anche degli esempi di unione fra schizzi di piani paralleli con i comandi loft e sweep.

3.       Modelleremo tridimensionalmente lo schizzo per arrivare al particolare finale

-          A questo punto modelleremo il nostro oggetto fino a farlo diventare uguale all’originale. Se l’oggetto in questione non avrà una geometria non compatibile con la stampa 3D a filamento, bensì sarà un oggetto che si presterà benissimo ad essere stampato senza l’aiuto dei supporti.

4.       Esporteremo il file in 3 diversi formati utili chiamati STEP, STL ed OBJ

-          Effettueremo l’esportazione mesh facendovi capire il metodo migliore per avere ogni geometria in ordine. Fusion360, quando esportiamo in mesh, ci consiglia già una definizione corretta, sia dal punto di vista delle facce (i triangoli della vista wireframe per intenderci) sia da quello della dimensione, ecco perché non avrete problemi di questo genere se ne fate un uso didattico, quindi non ci soffermeremo troppo su questi aspetti.

5.       Faremo anche esempi su come esportare direttamente il vettoriale, ovvero il DWG o SVG

-          Questo perché, se vi troverete a voler operare con taglio laser/plasma o semplicemente un’ incisione su di una targa, la vostra macchina (anche una stampante 3D con incisione laser integrata o con fresa tipo le Z-MORPH) leggerà il vettoriale, che in parole povere è il classico 2D.

Il secondo dove prenderemo il software di stampa a scelta del cliente, se non lo usiamo (ognuno quando impara un software difficilmente lo lascia) lo impariamo, anche perché, come le stampanti FDM, anche questi funzionano tutti nel solito modo, qualcuno ha qualcosa in più, altri sono a pagamento ed altri ancora sono stati creati direttamente dai produttori, ma i comandi principali sono praticamente gli stessi ovunque (ricordatevi che è un corso per principianti quindi, più di formare coloro che già sanno ciò che basta, punta ad invogliare e far imparare una cosa nuova che può portare parecchi benefici ai giovani, studenti e non, ed alle persone che vogliono aggiornare il loro sapere o il loro processo produttivo).

Il secondo corso, o la seconda parte a seconda della scelta di ognuno di voi se fare uno solo dei due o entrambi, sarà articolato in questo modo:

6.       Scaricheremo il software di stampa se non in possesso

-          A seconda della marca, le marche professionali solitamente hanno il proprio, scaricheremo il software dal sito di riferimento. Per le classi multiple le suddivideremo in modo tale da ottenere alunni o tutti con la licenza di Simplify3D, o tutti che non vogliono spendere più soldi del dovuto ed utilizzano un software gratuito. Per formazioni a singolo useremo il software utilizzato dal cliente.

7.       Installazione e impostazioni di stampa

-          Una volta acquistato il software lo installeremo ed inizieremo a spulciarne il contenuto. Inizialmente, dopo aver deciso il materiale da stampare, verranno analizzate le impostazioni base di stampa, temperature, velocità, raffreddamento ecc.. (ogni materiale ha un range proprio nelle impostazioni di base, es il PLA stampa generalmente da 195° a 225°mentre l’ASA ha un range più alto sotto il quale troverebbe difficoltà nel venire estruso). Successivamente verranno viste e modificate quelle avanzate (anche queste cambiano di materiale in materiale) che serviranno per non avere sfilacciamenti, buchi ecc nel pezzo finito; in poche parole fanno sì che non faccia schifo.  

8.       Finalmente la stampa .. ma tanto non andrà bene

-          Giunge il momento fatidico, quello che ci dirà se abbiamo fatto un bel lavoro oppure se dobbiamo riguardare qualcosa. Inizieremo con lo stampare dei test di calibrazione, prima però cambieremo il materiale alla stampante, quindi vi mostreremo come caricare il filamento fino ad arrivare a farlo estrudere. Successivamente, ipotizzando di aver creato il modello 3D rispettando tutto il dovuto e che i test fatti siano corretti, metteremo in stampa il modello disegnato. Quasi sicuramente non andrà nel verso sperato  e dovremo fare qualche accorgimento nello slicer o direttamente sulla stampante ma avrete tutto il tempo per poter fare dei test anche da soli.

9.       L’oggetto è come volevamo

-          Se abbiamo avuto c…, perché l’esperienza la maggior parte delle volte non basta (ci sono fenomeni paranormali che a volte impediscono la riuscita delle stampe .. andrebbero studiati ancora più a fondo 😊), il pezzo sarà venuto bene già alla prima stampa, se così non fosse probabilmente prima esulteremo e poi controlleremo che effettivamente siano rispettate tutte le misure (generalmente PLA e PET-G non hanno restringimenti di volume significativi, mentre materiali come l’ASA richiederanno una terza stampa quasi sicuramente).

 

Finito il corso potrete decidere, gratuito nella nostra sede (sempre secondo i restringimenti COVID), di integrare con una parte sulla post-produzione, quindi ricottura materiali, carteggio ecc.. dove vi mostreremo anche come, da un pezzo finito ma con finitura semi buona, arriveremo ad avere un particolare esteticamente molto buono.

Contenuto in aggiornamento (non abbiamo ancora avuto il tempo di scriverlo ma se ci contattate sapremo cosa dirvi) ... 

Questa tipologia di corso può essere integrata con la Stampa 3D e può essere anche su argomentazioni specifiche, es. gioielleria, nautica ecc..

Collaboreremo con la ditta di Riccardo Calvetti, Professionale e che sa il fatto suo.

Per maggiori informazioni su questa tipologia di corso CONTATTACI.

Contenuto in aggiornamento (non abbiamo ancora avuto il tempo di scriverlo ma se ci contattate sapremo cosa dirvi) ... 

Questa tipologia di corso può essere integrata con la Stampa 3D e può essere anche su argomentazioni specifiche, es. gioielleria, nautica ecc..

Collaboreremo con la ditta di Riccardo Calvetti, Professionale e che sa il fatto suo.

Per maggiori informazioni su questa tipologia di corso CONTATTACI.

Contenuto in aggiornamento (non abbiamo ancora avuto il tempo di scriverlo ma se ci contattate sapremo cosa dirvi) ... 

Breve riassunto

Questa tipologia di corso sarà effettuata nella sede dell'azienda (limitazioni COVID annesse) che acquisterà una stampante presente nel nostro shop.

L'acquisto diretto delle stampanti non è possibile, ma potrete richiedere un preventivo per qualsiasi marca vogliate. Essendo marche professionali preferiamo sempre che il cliente abbia chiara l'idea di quello che andrà a farci, così da non perdere ne tempo ne soldi.

Saremo totalmente a disposizione e forniremo assistenza sia sulla parte stampante che sulla parte della formazione. 

Per maggiori informazioni su questa tipologia di corso CONTATTACI.

Breve storia

La REDMATE nasce in un garage nel 2019 (lo stesso di Steve Jobs che ospita tutti) dove, inizialmente, venivano fatti particolari per un paio di ferramente e negozi nautici. Lavoravamo con una Geetech AM20, una Flashforge Creator Pro (che ancora oggi ci regala piccole soddisfazioni) ed una Anycubic 4Max Pro.

La stampa 3D è nata come secondo lavoro per noi, quasi come un hobby, e pian piano, con il raggiungimento di importanti collaborazioni, come con la Energy Group e Morphica (realtà Italiane già da anni nel settore della Stampa 3D), abbiamo iniziato a mettere qualche tassello per poter crescere ed entrare finalmente in questo mercato alquanto complicato (come quasi tutti i mercati del resto) e trovare dei riscontri positivi anche con marchi come la 3DP World e la Feniqx.

Abbiamo creato le nostre pagine social ed abbiamo iniziato ad informarci, anche con aziende estere come la FormFutura e la 3DXTech, su come poter diventare re-seller e su come avremmo potuto vendere i loro prodotti on-line. Abbiamo raggiunto l’interesse di molte aziende ma, vista la nostra origine, abbiamo anche cercato di selezionarle, oltre alle migliori in termini di resa, anche per la loro “vendibilità” in Italia, cercando di mantenere i prezzi del produttore e, ove possibile, dare la possibilità con l’acquisto di più prodotti di far ottenere scontistiche adatte per essere concorrenti con i maggiori rivenditori Europei.

Le possibilità di finanziamento offerte dalla regione Toscana erano troppo dispendiose per noi comuni mortali (paradossale no?), quindi abbiamo dovuto rivolgersi alla banca e all’aiuto dello stato come garante parziale. Questo, purtroppo, non ci ha permesso di avere un contributo economico tale da poter fare magazzino di tutte le marche che avremmo voluto e di poter, simultaneamente, acquistare le stampanti adatte alla nostra attività. Quindi ritrovatoci ad un bivio, siamo stati costretti a proseguire per il sentiero del Drop Shipping (spiegheremo successivamente cosa significa e troverete le spiegazioni delle nostre scontistiche in questa pagina), applicato già da molti per le stampanti ma non da così tanti per i materiali di consumo.

Raggiunte queste decisioni, abbiamo, noi per il Design e altri due ragazzi per la programmazione, creato il sito su Prestashop proponendo i prodotti dei nostri partner e cercando di creare delle possibilità di risparmio ragionevoli per entrambi (noi come venditori e voi come acquirenti).

I valori, sia delle stampanti che delle conoscenze, aggiuntisi alla nostra ditta con il passare del tempo, ci danno la possibilità di poter operare sia con le ditte che con i privati a seconda dei servizi offerti (troverete di seguito le spiegazioni di quali sono e di cosa vi offriamo nello specifico). Abbiamo lavorato principalmente per il settore nautico e per ditte che necessitavano di prototipi funzionali o produzioni personalizzabili. Operiamo principalmente con aziende e P.IVA ma lavoriamo anche per il semplice privato cercando di consigliare nel migliore dei modi sia la tipologia di stampa che quella del materiale.

Carica il tuo 3D QUI e richiedi un preventivo per la stampa (se è troppo grande mandaci un link di condivisione su Google Drive, Mega o dove vuoi).

Ps. La nostra sede si trova in Piombino, uno dei più bei paesi sul mare della Toscana (sono di parte? Si ma non troppo 😉 ), quindi se vi capiterà di soggiornare da queste parti e avrete bisogno di un particolare, di un materiale, o anche solo di qualche delucidazione su cosa si può fare con la stampa 3D, noi siamo qua per risolvere ogni vostro dubbio amletico, consigliandovi sempre la soluzione migliore a prescindere da dove andrete od acquisterete.